top of page
  • Ludovica Di Giulio

Oltre l'Estetica: L'Importanza delle Microinterazioni nell'UX


La sera, prima di andare a dormire e mentre guardo una serie tv su Netflix mi piace bere una tisana calda: ne ho di ogni tipo ed è diventato ormai come un rituale.

Ieri sera ho messo l'acqua nel bollitore, che mi avverte che l'acqua è pronta quando la lucina si spegne ed emette un piccolo suono, quel suono ieri non ha funzionato ed io mi sono dimenticata di prendere la tisana, ho ritrovato questa mattina l'acqua fredda nel bollitore.


Se vi state chiedendo perchè vi sto raccontando questa storia, ora ci arrivo.

Quella lucina e quel piccolo suono sono come delle microinterazioni nella vita di tutti i giorni che un po' ce la migliorano, quindi perchè non prevederle nei nostri progetti?




Microinterazioni oltre l'Aspetto Visivo

Le microinterazioni vanno oltre la mera estetica; sono i punti di contatto che sottolineano l'esperienza dell'utente. Immaginate di toccare lo schermo e vedere un pulsante che reagisce con un leggero animarsi o di ricevere un feedback immediato quando completate un'azione. Questi sono i dettagli che creano una connessione tra utente e prodotto.


Creare Empatia attraverso le Microinterazioni

Le microinterazioni sono uno degli strumenti che lo UX Designer ha per creare empatia. Quando un utente percepisce che il sistema risponde alle sue azioni in modo naturale e sensibile, si instaura un legame emotivo. Ad esempio, un'icona di cuore che batte leggermente più veloce quando viene cliccata può trasmettere un senso di reciprocità, generando un'esperienza più coinvolgente.


Un esempio classico di microinterazione è il doppio segno di spunta su WhatsApp, indicando che il messaggio è stato inviato e successivamente letto. Questa piccola ma significativa interazione fornisce all'utente informazioni utili senza dover aprire il messaggio. Al contrario, un'animazione troppo lunga o un feedback troppo sottile potrebbero risultare inefficaci.




Pro e Contro delle Microinterazioni

Le microinterazioni portano sicuramente un valore aggiunto, ma come ogni strumento, hanno i loro pro e contro, andiamo a vederli insieme:

Pro delle Microinterazioni nell'UX/UI Design:


- Coinvolgimento Utente: Le microinterazioni rendono l'esperienza più coinvolgente, attirando l'attenzione dell'utente e creando un senso di interazione diretta.

- Feedback Istantaneo: Forniscono feedback immediato agli utenti, aiutandoli a comprendere l'esito delle loro azioni e migliorando la chiarezza del sistema.

- Memorabilità: Le microinterazioni ben progettate contribuiscono alla memorabilità dell'applicazione o del sito web, creando un'esperienza distintiva e facilmente riconoscibile.

- Guida Utente Intuitiva: Possono guidare gli utenti attraverso il flusso dell'applicazione in modo più intuitivo, migliorando la comprensione delle funzionalità.

- Riduzione dell'Ansietà: Alcune microinterazioni, come le barre di avanzamento o le notifiche di successo, contribuiscono a ridurre l'ansietà dell'utente fornendo rassicurazioni sullo stato del sistema.


Contro delle Microinterazioni nell'UX/UI Design:


- Distrazione Eccessiva: Se non gestite con cura, le microinterazioni possono diventare distrazioni eccessive, portando gli utenti a perdere il focus sull'attività principale.

- Complessità Aggiuntiva: L'aggiunta di troppe microinterazioni può aumentare la complessità complessiva dell'interfaccia utente, rendendo difficile la navigazione per gli utenti meno esperti.

- Problemi di Performance: Se non ottimizzate correttamente, le microinterazioni possono influire sulle prestazioni dell'applicazione, causando rallentamenti o ritardi indesiderati.

- Incompatibilità Dispositivi: Alcune microinterazioni possono non tradursi bene su tutti i dispositivi o possono essere difficili da implementare in modo uniforme su diverse piattaforme.

- Sensibilità Culturale: Elementi interattivi che possono sembrare intuitivi in una cultura potrebbero non essere altrettanto comprensibili o accettabili in un contesto culturale diverso.


Accessibilità delle Microinterazioni

Le microinterazioni non dovrebbero escludere nessuno. L'accessibilità è fondamentale, e le microinterazioni non fanno eccezione. Ad esempio, se usate correttamente, possono fornire feedback visivo ed uditivo per migliorare l'esperienza per utenti con disabilità visive o uditive. Dati reali dimostrano che, in alcuni casi, l'implementazione attenta delle microinterazioni ha portato a un aumento del 15% nell'interazione degli utenti con determinate funzionalità.


In conclusione, le microinterazioni sono la dimostrazione tangibile che il diavolo è nei dettagli. Attraverso esempi reali, abbiamo visto come queste piccole magie possono trasformare un'interfaccia da ordinaria a straordinaria, creando connessioni emotive e migliorando l'esperienza utente. Ricordate sempre: sono i dettagli che fanno la differenza.

10 visualizzazioni0 commenti

留言


bottom of page